Come preparare tè freddo - Tea Stylist's Mug

3 idee per preparare il tè freddo in casa

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Voglia di fresco? Che ne dite di un tè freddo per energizzare la giornata? Deliziosa e facile da preparare, questa bevanda si presta a tante interpretazioni (nella versione liscia, al latte, alla crema, al limone ecc.) ma i metodi base sono due: infusione a freddo e a caldo. Ecco una breve guida pratica ed una ricetta da provare subito!

Siete già consumatori di tè freddo? Allora attenzione all’etichetta! Leggete bene gli ingredienti e ricordate che se seguite i mieie consigli potrete bene tutto il tè che volete! Non avrete bisogno di zuccherare la vostra bevanda, sarete idratati, pieni di energia per affrontare il caldo e certamente manterrete il vostro consumo di zuccheri basso, lasciando cosi spazio per un buon gelato!

Tè freddo con infusione a freddo (metodo cinese)

Preparare un tè freddo davvero speciale non è difficile se si conoscono le modalità e si utilizza un tè di qualità. L’infusione a freddo è senza dubbio la migliore perché permette di ottenere un prodotto cristallino e dolcissimo.

Come si prepara? Mettete 4 cucchiai di foglie di tè (18/20 g) in infusione in una brocca di vetro contenente 1 litro di acqua a temperatura ambiente. Coprite e, dopo circa 4 ore per un tè verde e 6 ore per un tè nero, potete tranquillamente filtrare l’infuso. Con questa tecnica si ottiene il massimo aroma possibile senza alcun retrogusto amaro e l’infuso può essere conservato in frigorifero anche per 4 giorni.

E’ facile credere che un tè aromatizzatto renda meglio in infusione a freddo rispetto ad uno in purezza, ma vi assicuro che con questa tecnica potete preparare eccellenti tè freddi partendo da un delizioso Milky Oolong a bassa fermentazione o con le foglie dell’Amacha Buddha il cui gusto naturale di liquierizia appaga e rinfresca senza alzare la pressione!

Tè freddo con metodo shakerato

Preparate l’infusione a caldo utilizzando 3 grammi di tè per ogni 150 ml di acqua calda. Sono sufficienti 5 minuti di infusione, poi è necessario shakerare l’infuso con il ghiaccio e servire subito in grossi baloon da vino rosso.

Tea sommelier consiglia: Come per il tè caldo, la scelta dell’acqua influisce molto sulla qualità e sull’aspetto dell’infuso a freddo. I minerali contenuti nell’acqua reagiscono chimicamente con i composti del tè. Il risultato? A volte alterazioni sono anche visibili come le placche galleggianti sulla superficie di alcuni tè neri (causa acqua troppo ricca di minerali). Se siete meno esperti, vi consiglierei di scegliere un Oolong (Tie Kuan Yin è tra i migliori) perché è un tè che tollera meglio gli “errori” dell’infusione.

Un suggerimento extra: se volete dare alla vostra bevanda più gusto, provate ad usare i cubetti di ghiaccio preparati con una parte dell’infuso.

Tè freddo con infusione a caldo

Ricetta per 8 porzioni

2 litri di acqua bollente

4 cucchiai di Belle Epoque Rooibos Verde by ArtedelRicevere
1 cucchiaio di zucchero di canna

Esecuzione

Lasciate in infusione il Rooibos per 3-4 minuti. Aggiungete lo zucchero e mescolate per un po’. Quindi fate raffreddare fino alla temperatura ambiente e poi riponete in frigorifero per circa 2 ore. Servite con ghiaccio. Il trucco di Francesca? Se per il metodo a caldo usate un tè oolong (o come inella ricetta qui presentata un rooibos), riducete sensibilmente la possibilità di ottenere una bevanda troppo amara e opaca.