Yunnan - The Tea Stylist's Mug - Tea Magazine by Francesca Natali

Wonder Tonic: Pu-Erh, tè cinese dalle proprietà rinvigorenti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo Yunnan è considerato il paese d’origine della pianta del tè, la Camelia Sinensis. In questi territori è possibile trovare ancora numerose piante di camelia che, lasciate liberi di crescere (anche selvagge), si sono evolute in alberi ad alto fusto, il più vecchio dei quali si stima abbia la veneranda età di 1.700 anni. Il tè che viene coltivato in queste terre è conosciuto come Pu-Erh.

Con il termine Pu-Erh si designa tutta una famiglia di tè che comprende diverse varietà in foglie sfuse o più tipicamente, compresse in mattonelle o in pani. In Europa è ormai conosciuto come tè rosso o, nelle boutique specializzate lo trovate come tè post fermentato.

Il colore delle sue foglie nella versione fermentata è piuttosto scuro, quasi nero. Il profumo è intenso, ricorda la terra bagnata dopo un bel temporale estivo. La materia prima è rappresentata dalle foglie raccolte dagli alberi di tè della varietà a foglia larga che crescono sugli altipiani nella parte più meridionale della provincia dello Yunnan, al confine con Laos e Birmania. Nella versione non fermentata il gusto si fa delicato e il liquore trasparente.

Gli svariati effetti benefici hanno procurato al tè Pu-Erh la fama di Wonder Tonic e Tè medicale: le sue sorprendenti proprietà rinvigorenti e salubri sono molto popolari in Cina, il cui paese ne celebra le virtù e i poteri curativi sin dalla dinastia Tang.

Solo recentemente però, questo elisir ha raggiunto la notorietà anche al di fuori del suo terreno natio, grazie agli innumerevoli studi svolti in campo medico che ne hanno sostenuta l’efficacia e attendibilità, svalutando le tesi di quanti lo dipingevano meramente un “frutto del folklore locale”, soprattutto a causa della scarsità di traduzioni in inglese dei vari esperimenti effettuati in Cina.

Non è quindi un caso che la popolazione cinese ne faccia un ampio uso da millenni, ritenendolo insostituibile anche come compagno durante i pasti: molti ristoranti cinesi, infatti, lo servono abitualmente, conoscendone l’abilità nel ridurre l’assimilazione dei cibi grassi e particolarmente unti, oltre che nel favorire la digestione e ripulire l’intestino e lo stomaco.

È il 1970 l’anno che segna una svolta nella storia del Pu-Erh, grazie ad importanti ricerche di Paesi come Giappone e Francia, a seguito delle quali possiamo affermare che questo tè presenta una gamma davvero ampia di benefici come osservato dalle ricerche di Emily Caroby del St Antonio Medical Institute di Parigi, dal French State Health Medicine Research Institute all’Assails Nutrition Physiology Research Institute:

  • protegge e aiuta a prevenire patologie croniche, come quelle cardiovascolari e tumorali
  • contribuisce a tenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue
  • elimina le tossine, estremamente dannose per l’organismo
  • lenisce infiammazioni di vario genere
  • riduce l’alta pressione sanguinea
  • facilita il processo digestivo e dà particolare sollievo allo stomaco
  • scioglie il catarro
  • migliora le capacità visive
  • facilita l’eliminazione dei radicali liberi e ne limita i danni
  • ottimizza la circolazione sanguinea e, più in generale, dei flussi all’interno del corpo, grazie alla sua azione fortemente rivitalizzante
  • riduce i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue
  • accelera il metabolismo e scioglie i grassi… è quindi un ottimo alleato per la perdita di peso
  • è il miglior rimedio per recuperare l’equilibrio dopo un eccesso di alcool

Il consumo costante di tè verde sembra aiutare dunque a ridurre il colesterolo “cattivo” (LDL) e promuove quello “buono” (HDL); ciò che molti non sanno, però, è che anche il tè Pu-Erh, soprattutto quello prodotto da alberi antichi, è un valido alleato in questo senso. Le ricerche sostengono questa tesi: è sufficiente un regolare consumo di tè, pari a circa 3 tazze al giorno per un periodo non inferiore ad un mese, per diminuire il tasso lipidico nel sangue fino al 13%, ridurre quello alcolico e facilitare la perdita di peso (si sono verificati miglioramenti nel 40% del campione).

Tutti questi studi hanno col tempo confermato ciò che i cinesi sostengono da secoli, ovvero le straordinarie virtù di questo poliedrico tè, efficace alternativa naturale a medicine, per tutti coloro che desiderano perdere peso, ridurre la tensione e, più in generale, condurre uno stile di vita maggiormente salubre e rilassato.